Tagliata di Maccarese, Silvana style

20120419-135420.jpg

Eccola qui, immortalata dalla solita foto inguardabile. L’abbiamo mangiata ieri sera a cena, era davvero buona, mi è piaciuta la carne, il suo sapore non troppo invadente, la sua consistenza morbida e insomma, io che non amo troppo le carni non ho fatto troppo fatica a mangiarla!
L’ho preparata secondo i dettami di Silvana, una cugina toscana di mia mamma, si fa così: si inizia la cottura su una piastra o bistecchiera o quello che avete, l’importante è che sia caldissima, direi un paio di minuti per lato, poi dipende dallo spessore della bistecca e dal grado di cottura preferito.
Considerate che la cottura proseguirà in olio quindi va tolta dalla piastra un po’ più al sangue di quello che si desidera. Una volta cotta la carne l’ho appoggiata su un tagliere e poi…tagliata!
Nel frattempo ho scaldato abbondante olio con aglio e una cascata di rosmarino in una padella, ho messo la carne a profumarsi e a finire la cottura, direi altri 5 minuti e la carne è pronta.
Ottima e veloce, non abusarne perché la carne rossa…è il male assoluto!

A volte ritornano

20120416-211717.jpg

Ed ecco qui un avanzo del pranzo di Pasqua, lasagne asparagi e prosciutto cotto.
L’ho scongelato oggi perchè non avevo proprio voglia di cucinare, mi ci sono avventata come mio solito e mi stavo anche dimenticando di fare una fontina immortalatrice, e anfatti ne manca un pezzo!
Un bel piattino primaverile, buono e anche scenografico, fa la sua porca figura!
L’ha fatto mia mamma quindi non ne conosco gli ingredienti precisi, però ha sicuramente fatto una besciamella con gli asparagi!
Yummy.

Spaghetti aglio, olio e peperoncino della domenica, dopo l’IKEA

Stamattina siamo andati all’IKEA a prendere delle manine proteggi spigoli per evitare che Anna si fracassi il cranio durante le sue malferme esplorazioni; per quanto si esca presto di casa alla fine si torna comunque oltre l’orario del pranzo. Urge quindi inventare qualcosetta di appetitoso e veloce da preparare tenendo conto della vuotezza cronica del frigorifero.
Oggi abbiamo risolto con du’ spaghi aglio, olio e peperoncino, spolverati da un’abbondante dose di pecorino romano.
Ottimi, velocissimi e forse anche un po’ comfort food.
Poi un caffettino, un po’ di riposo sul divano mentre guardiamo l’America’s Cup (di cui io non capisco niente) e intanto fuori piove.

Amo le domeniche di pioggia: puoi stare a casa senza far nulla e non ti senti in colpa!

Il comfort food del sabato sera

Dai, stasera facciamo un po’ di dieta, due kiwi e basta…uh quanto sono brava!
Mangio i due kiwi in circa 70 secondi netti compresa la sbucciatura…che fame però…penso a qualcos’altro…scelgo ‘na cosetta leggera leggera e soprattutto cioccolatosissima vista l’altro giorno in un bellissimo blog,
PORRIDGE AL CIOCCOLATO!
Dosi per uno:
180 g di latte
50 g di fiocchi d’avena
20 g cioccolato fondente, il vostro preferito
Zucchero di canna grezzo, a piacere
Buccia d’arancia bio

Ho messo il latte a scaldare in un pentolino, ho tagliato con un pelapatate un paio di buccette d’arancia bio e le ho messe nel latte, ho aggiunto i fiocchi d’avena e ho fatto andare a fuoco prima medio e poi basso per circa 8/10 minuti, a me i fiocchi d’avena piacciono spappolati, per averli più croccanti fate cuocere per meno tempo, of course. Una volta pronto, spegnere il fuoco ed aggiungere cioccolato e zucchero, girate bene finchè il cioccolato non sia sciolto.
Fine.
Buono, vero?
Non so se metterlo nella categoria “comfort food” o “zozzerie”…
Per darvi un’idea ecco una pessima foto:

20120414-214610.jpg